Valentina Musmeci, Luci Tapahonso, Walter Phelps - lingua Navajo - Premio Ostana

Sabato 5 giugno 2021
ore 16:30

LA LINGUA DEI SEGRETI

Segreti e privilegi della lingua Navajo

Oggi in pericolo di estinzione, il Navajo fu utilizzato come codice nella Seconda Guerra Mondiale: scopriamo insieme perché è la più poetica delle lingue dei nativi americani

Luci Tapahonso è riconosciuta a livello internazionale come l’esponente più interessante della letteratura e della poesia Navajo degli ultimi anni. I suoi poemi rievocano la vita rurale e familiare delle antiche tribù Navajo, con una capacità espressiva rara e intensa, che lei stessa ha raccolto nella propria esperienza di vita, ivi compresa l’esperienza delle boarding school e dell’occidentalizzazione forzata.
La cultura Navajo è una cultura matrilineare: nonne e madri sono al centro di una cultura corale in cui i protagonisti sono tutti gli interpreti del mondo familiare.
Con La Dott.ssa Tapahonso affronteremo il tema della lingua da un punto di vista umano ed emozionale. Negli ultimi anni la lingua è parlata soprattutto dagli anziani e si teme che possa diminuire drasticamente. Walter Phelps, rappresentante politico del popolo Navajo, ci spiegherà come si è provveduto a tutelarla e quali sono stati gli indiretti vantaggi della pandemia Covid 19 nonostante la perdita di molti anziani parlanti, comprendendo la prospettiva politica che il Governo della Nazione navajo ha messo in atto per tutelarla.

Intervengono

Walter Phelps

Nel gennaio 2019, Walter Phelps ha completato il servizio per otto anni consecutivi come delegato del Consiglio della nazione Navajo durante il 22 ° Consiglio della nazione Navajo (2011-2014) e il 23 ° Consiglio della nazione Navajo (2015-2019), presso Washington. In precedenza ha lavorato come amministratore delle sovvenzioni per la Tuba City Regional Health Care Corporation, un Indian Health Center con contratto di legge, ovvero un ospedale regionale a 4 stelle di livello CMS, tra il 2009 e il 2010. Precedentemente, come membro del personale dell’Ufficio del Congresso degli Stati Uniti che serve il Primo Distretto dell'Arizona per quasi otto anni (2003-2009), Phelps aveva lavorato quale figura di collegamento tribale con un membro del Congresso dell’Arizona. È stato vicepresidente di Chapter per quattro anni al Leupp Chapter (1999-2002). Phelps ha anche lavorato con diverse
organizzazioni senza scopo di lucro tra cui la Society of Indian Missions concentrandosi sui ministeri cristiani in Canada e negli Stati Uniti. Phelps ha frequentato la Northwest Indian Bible School / College, Alberton, MT, l’Allegeny Wesleyan College, Salem, OH e il Lamson Business College, Phoenix, AZ. Attualmente la famiglia Phelps gestisce un piccolo ranch di bovini da carne Angus nella riserva Navajo nell’Arizona settentrionale. Dopo aver concluso l’ultimo incarico istituzionale più grosso, Phelps rimane impegnato come consulente indipendente, viene spesso interpellato per conferenze e contributi sulle relazioni federali tribali, sullo sviluppo delle politiche, sullo sviluppo energetico e sulla difesa.

Luci Tapahonso

Luci Tapahonso è una poetessa Navajo e docente di Native American Studies. È la prima poetessa vincitrice dell’ambito premio Poet Laureate della Navajo Nation, succeduta a Laura Tohe. Nata nella riserva Navajo a Shiprock, nel New Mexico; l’inglese non era la lingua ufficilmente parlata nella fattoria di famiglia e Tapahonso lo imparò come seconda lingua dopo il suo nativo Navajo. Dopo gli studi presso la Navajo Methodist School di Farmington, New Mexico, ha frequentato la Shiprock High School e si è laureata nel 1971. Ha intrapreso la carriera di giornalista e giornalista investigativa prima di iniziare i suoi studi presso l’Università del New Mexico nel 1976. Lì ha incontrato per la prima volta il romanziere e poeta Leslie Marmon Silko, che era un membro della facoltà e che ha dimostrato di avere un’influenza importante sulla prima scrittura di Tapahonso. Inizialmente aveva intenzione di studiare giornalismo al New Mexico, ma Silko l’ha convinta a cambiare la sua specializzazione in scrittura creativa. Ha conseguito la laurea nel 1980. Nel 1983, Tapahonso ha conseguito il Master in Scrittura Creativa e ha continuato a insegnare, prima nel New Mexico e poi all’Università del Kansas e ora all’Università dell’Arizona.
Silko aiutò Tapahonso a pubblicare la sua prima storia, “The Snake Man”, nel 1978. La sua prima raccolta di poesie, One More Shiprock Night (assemblata quando frequentava ancora l’Università), fu pubblicata nel 1981, ma non ebbe molto impatto. La sua raccolta del 1993 Saánii Dahataal (le donne cantano), scritta in Navajo e in inglese, è stata la prima a farle guadagnare una reputazione internazionale, cementata da “I Cavalli blu” del 1997. Nel 2008 Tapahonso ha pubblicato “A Radiant Curve”, per il quale nel 2009 ha vinto l’Arizona Book Award for Poetry. La scrittura di Tapahonso, a differenza di quella della maggior parte degli scrittori nativi americani, è una traduzione di un’opera originale che ha creato nella lingua madre della sua tribù. Il suo lavoro Navajo include canzoni e canti originali ideati per l’esecuzione. Per questo motivo, il suo lavoro in inglese è fortemente ritmico e utilizza strutture sintattiche insolite nella poesia in lingua inglese.

Modera

Valentina Musmeci

Valentina Musmeci è scrittrice e fotografa. Ha realizzato una importante ricerca fotografica sulla transumanza delle pecore in Italia dalle Dolomiti al Mar Adriatico, inserita nelle Gallerie del National Geographic. Recentemente sta portando avanti una ricerca fotografica sui popoli nativi e il clima dalla quale ha tratto un primo libro di testimonianze “Storie di clima”. Conduce da 8 anni una ricerca in Europa sull’influenza degli stereotipi nei desideri dei bambini attraverso il progetto fotografico “When I grow up”, www.whenigrowuproject.com.
È fondatrice dell’associazione Falenablu, che sostiene la realizzazione di attività artistiche ed educative contro la violenza sulla donna, www.falenablu.it.
Collabora da 9 anni nel Comitato di selezione e organizzazione del “Premio Ostana” dedicato alle Lingue Minoritarie nel Mondo (Valle Po, Piemonte).
È direttrice artistica del percorso artistico “Péire que préiquen” (Valle Grana, Piemonte). Valentina usa l’arte per divulgare i temi che le stanno a cuore.
Docente di inglese per necessità.
Ha pubblicato “Dove pensano gli asini” con Curcuegenovese Editori nel 2011, “Volare in Trentino” per LaGrafica Editori nel 2013, “Un anno col baio” con Edicicloeditore nel 2014, “Più forte più in alto” con Curcu’genovese nel 2015, “Il bracconiere” per La Grafica Editore nel 2018 e “Storie di Clima” per Edicicloeditore nel 2020.

PARTNERS

Atl Cuneo
Fondazione CRT
Fondazione CRC
Radio Lenga d'Oc
Pen Club
LO CIRDOC
LO CIRDOC
LO CIRDOC
LO CIRDOC
Nethics: Web Marketing & Web Solutions
Chambra D'Oc
Stemma Ostana

Comune di Ostana

Regione Piemonte - Logo 50 anni

The Ostana Prize celebrates the international support received

from the UNESCO International Decade of Indigenous Languages, and from two reference institutions in the linguistic field: the ELEN network (European Language Equality Network) and the NPLD network (Network to Promote Linguistic Diversity).

Chambra D'Oc
Stemma Ostana
Regione Piemonte - Logo 50 anni