premio_ostana_avvenire

Da AVVENIRE

Se parlarsi è «partatge»

2 giugno 2021

Intervista a Oliver Loode (Direttore di URALIC) e Davyth Hicks (fondatore di ELEN)

Il Premio / A Ostana per «condividere»
Da domani a sabato 5 giugno si terrà la 13ª edizione del “Premio Ostana: scritture in lingua madre”, edizione “En partatge” (termine in occitano che significa condivisione).
In questa edizione, in modalità online, autori da tutto il mondo si incontreranno in un festival della biodiversità linguistica.
Nel Decennio Internazionale delle Lingue Indigene 2022-2032 proclamato dalle Nazioni Unite, il filo conduttore sarà una riflessione sui diritti linguistici. Tra gli ospiti più attesi, Pirita Näkkäläjärvi, attivista della cultura sami impegnata nella difesa dei diritti delle popolazioni indigene, l’antropologa brasiliana Maria Isabel Lemos,
Luci Tapahonso, esponente della letteratura e poesia Navajo, e ancora Maite Puigdevall
e Macarena Dehnhardt in un incontro in cui si parlerà del ruolo della traduzione come strumento di inclusione. Infine spazio alla musica, a Bogre – documentario di Fredo Valla – e a un laboratorio esperienziale per imparare una lingua dall’inconscio, progetto dell’artista siriano Ammar Obeid. (E.Gian.)

Avvenire